Salta al contenuto principale

Sorprende un giovane

che scrive sul negozio:

commerciante aggredito

Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

TRENTO - Alberto Tovazzi, titolare del supermercato Eurospesa di via Torre Vanga, non è sicuramente una persona che si lascia intimorire. Ma il suo ultimo intervento contro l'inciviltà gli è costato un occhio pesto, lo zigomo gonfio e un paio di escoriazioni. Medicato al pronto soccorso del Santa Chiara, è stato dimesso con una prognosi di 6 giorni. A colpirlo è stato un giovane, sorpreso con una bomboletta spray mentre stava imbrattando il muro del supermercato.

«Erano le 20.30 di sabato e mi trovavo nel mio ufficio, al piano superiore del supermercato - racconta Tovazzi - Ho sentito alcuni strani rumori e sono sceso in strada per capire cosa stesse accadendo. C'era uno sconosciuto che, senza mascherina di protezione, teneva in una mano la bomboletta spray e nell'altra una bottiglia di birra. Stava imbrattando il muro. Gli ho chiesto spiegazioni, lui mi ha minacciato». Ne è nata una colluttazione, interrotta dall'arrivo della volante della polizia. Tovazzi ha presentato denuncia per l'accaduto e il responsabile è stato identificato: è un antagonista, un giovane legato all'ambiente anarco-insurrezionalista. Le scritte erano a sostegno dei compagni, protagonisti del processo di ieri (di cui riferiamo nell'articolo sopra). «Lavorare qui è sempre difficile - è l'amaro sfogo di Tovazzi - Le forze dell'ordine ci sono e fanno tutto quello che possono. Quando succedono questi piccoli reati si potrebbe rimediare al danno chiedendo al responsabile di ripulire il muro o almeno fargli una multa come si fa per un'infrazione automobilistica».

Tovazzi ieri pomeriggio è stato contattato dal sindaco Franco Ianeselli, che ha ribadito la vicinanza e la «solidarietà nei confronti dei commercianti che non si fanno intimidire». L'amministrazione comunale ha fatto sapere di aver incaricato la squadra "Noi" (Nucleo operativo interservizi) di cancellare le scritte all'esterno del supermercato e promesso che aumenterà il presidio. Il sindaco si è inoltre espresso con favore riguardo all'iniziativa del Comitato di via Torre Vanga di offrire la difesa gratis sia a Tovazzi che al titolare della pizzeria di via Cavour che domenica sera è stato vittima di una rapina.

«Siamo riconoscenti al Comitato e all'avvocato Paolo Frizzi. La loro reazione è un esempio di civismo e di coraggio - evidenzia il sindaco - L'intensificazione dell'attività del Nucleo civico della polizia locale, l'apertura del presidio in piazza Dante, le innumerevoli operazioni delle forze dell'ordine sono state solo il primo passo. Per quanto ci riguarda non intendiamo certo fermarci e rassegnarci. Saremo accanto al Comitato, ai residenti e ai commercianti perché la vivibilità del quartiere della Portela resta per noi una priorità».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy