Salta al contenuto principale

Per sentieri, vie e itinerari outdoor ora le manutenzioni straordinarie

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 3 secondi

RIVA DEL GARDA - Anche durante un periodo anomalo come quello che stiamo vivendo da un anno a questa parte, la propensione sportiva rimane la caratteristica peculiare dell'ospite nell'Alto Garda, come confermato dall'ultimo sondaggio di «Garda Trentino spa» allo scopo di intercettare come i visitatori percepiscano la destinazione.

La valorizzazione territoriale e lo svolgimento dell'attività outdoor in totale sicurezza sono priorità che sin dal 2009 hanno reso possibile il progetto «Outdoor Park Garda Trentino» (OPGT), finalizzato ad una frequentazione responsabile e sostenibile del nostro territorio, in realtà tanto amato anche dai locali.

La collaborazione tra i diversi attori del territorio - oltre a « Garda Trentino spa» anche Provincia, Servizio per il sostegno occupazionale, sezioni SAT locali, Comunità di Valle e le amministrazioni comunali della Busa - fa leva su obiettivi comuni che puntano alla pianificazione, alla valorizzazione e alla manutenzione regolare e continuativa delle infrastrutture sportive della zona dell'Alto Garda, con o senza pandemia in corso.In particolare, il prezioso contributo di Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale (in sigla il Sova) non solo garantisce puntuali interventi di manutenzione sul territorio, ma rende possibili periodicamente allestimenti di nuovi percorsi bike, trekking e accessi alle falesie.

«Una delle priorità della nostra azienda è assicurare una vacanza sicura ai nostri ospiti, per permettere loro di godersi serenamente la permanenza e di averne poi un bel ricordo sotto ogni punto di vista - spiega Oskar Schwazer, direttore di "Garda Trentino spa" - per quanto concerne l'outdoor, il Sova ricopre un fondamentale duplice ruolo: la cura e l'approntamento dei vari percorsi e attività dislocati sul nostro territorio ne garantiscono non solo la sicurezza, ma anche il fascino e l'attrattività».

Sul territorio dell'Alto Garda opera una squadra di sei persone, grazie alla quota che i comuni e la Comunità di Valle annualmente investono, sotto la regia dell'APT. Il SOVA ha quindi un'importante funzione sociale in quanto modello di inclusione e di investimento sulle risorse umane, garantendo l'occupazione a soggetti disoccupati o prossimi alla pensione in possesso dei giusti requisiti.In attesa di superare la "zona rossa" ma anche in attesa della riapertura tra le regioni e dell'inizio della bella stagione, all'interno del progetto il Servizio provinciale inizierà i propri interventi con la messa a punto del nuovo percorso trekking/escursionistico sul Monte Corno, anello che parte da Nago snodandosi tra il Monte Corno, Predabusa e lo Stützpunkt Perlone - i capisaldi della prima linea austro-ungarica della Grande Guerra - itinerario che va ad aggiungersi alla variegata offerta escursionistica del territorio.

L'obiettivo sul Monte Corno è quello di realizzare un percorso guidato attraverso illustrazioni e documentazioni storiche che aiutino i turisti e i residenti a comprendere la valenza storica della zona, già oggetto negli anni scorsi dell'impegno degli Schützen di Arco, i quali su base volontaria avevano iniziato a recuperare alcune aree, liberando e ripulendo le trincee.Il progetto dedicato all'outdoor prevede poi nei prossimi mesi ulteriori iniziative per preparare il territorio ad accogliere nel migliore dei modi i turisti sportivi: la posa di 12 toilette ai piedi di diverse falesie e in punti strategici del territorio e interventi di disgaggio sulla ferrata Rio Sallagoni (ubicata all'interno del canyon di Drena) per mitigarne i rischi.

Tutte queste iniziative rientrano in un "work in progress" pluriennale, un piano messo a punto ogni dodici mesi che definisce le linee guida e gli impegni di ciascun soggetto, con precise scelte operative e tempistiche di intervento. Il progetto «Outdoor Park Garda Trentino» si conferma dunque come un modello vincente, replicato in altre zone del Trentino e oggetto di studio per varie destinazioni italiane ed estere (Livigno, Appennino tosco-emiliano, Catalogna). Sperando, ovviamente, che si possa salvare la stagione, outdoor e non.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy