Salta al contenuto principale

Benno Neumair fu ripreso da diverse telecamere di Bolzano: portava le salme dei genitori con la Volvo al fiume

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

BOLZANO - Benno Neumair ha confessato l'omicidio dei genitori un mese fa. Solo quando gli hanno detto di aver ritrovato, nel fiume Adige, il corpo della madre. Ma anche senza la confessione, le prove contro di lui erano schiaccianti. Ad esempio, un filmato in cui si vede lui transitare con la sua Volvo la sera della scomparsa dei genitori, probabilmente con a bordo le salme.

Dalle 21.16 della sera del 4 gennaio la Volvo di proprietà della famiglia Neumair (probabilmente con i cadaveri dei genitori a bordo) fu infatti ripresa da diverse telecamere dislocate a Bolzano: in via Castel Roncolo, in via Rosmini, in piazza Vittoria e in via Roma. Alle 21.20 l’auto venne ripresa svoltare da via Roma in viale Trieste e parcheggiare in piazzetta Scholl.

Dalla ricostruzione dei tabulati effettuata dai Carabinieri, Benno a quel punto effettuò una chiamata al cellulare della madre per dimostrare agli inquirenti di averla cercata in serata. In realtà il giovane venne ripreso poi mentre scendeva sotto il ponte (dove aveva nascosto il telefono).

Pochi minuti dopo, alle 21.26 il telefono di Laura Perselli si spense per sempre, probabilmente gettato nel fiume.

LEGGI ANCHE: Perché hanno tenuta nascosta la confessione per un mese?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy